fbpx

Illumina l’estate con il Drylight

Avete bisogno di altro? Le creazioni di Masiero sono spettacolari di giorno e di notte sorprendono.

Drylight è l’esclusiva linea brevettata Masiero che riproduce gli iconici lampadari veneziani per uso esterno.

Una gamma completa con protezione IP66, dotata di tecnologia Led, disponibile nella versione RGB-W con la possibilità di generare una varietà infinita di colori, oppure in versione WHITE, con la possibilità di intervenire solo sull’intensità della luce bianca.

Scegliendo il Drylight per il tuo giardino avrai un elemento decorativo durante il giorno e quando il sole tramonta, potrai goderti non solo la sua bellezza, ma anche essere stupito dalla sua tecnologia che nella versione Led White ti permette di cambiare l’intensità della luce.

Se sei innamorato dei colori, puoi scegliere la versione RGB, che ti permette di creare innumerevoli toni.

Potrai illuminare con incredibile bellezza il tuo patio, dando un tocco di sapore senza tempo anche nelle architetture moderna.

Drylight è la scelta perfetta per chi ama stupire regalando emozioni!

Highlights dalla Milano Design Week

La Milano design week è giunta al termine. E’ stata una settimana densa di eventi, durante la quale la città di Milano è tornata alla frenetica vivacità che era ormai solo un ricordo.

Buyer, designer, interiors, architetti, studenti e anche privati hanno popolato le vie di Brera.

Masiero non poteva assolutamente mancare a questo appuntamento tanto atteso e l’abbiamo fatto in grande stile.

Dal 6 al 12 giugno abbiamo dato vita a Rivelazioni, un concept dello Studio Milo ideato per far immergere il visitatore in un’esperienza sensoriale durante la quale scoprire le novità di Masiero e apprezzare anche dei long seller.

Come uno scrigno racchiude il più prezioso dei gioielli, così nuvole di tessuto hanno avvolto delicatamente le nuove collezioni del catalogo Dimore Masiero: Posy un progetto nato dalla mente creativa della designer Sara Moroni.

Iglù, espressione dell’estro di Oriano Favaretto.

Nella location di Via Statuto 16 i visitatori hanno potuto ammirare anche una scenografica installazione di Horo, design di Pierre Gonalons: una cascata di cadute color ambra ha incorniciato il social wall, con l’eleganza che ci contraddistingue.

La long seller Sound, design di Giovanni Battista Gianola, ha illuminato uno splendido tavolo in marmo di Scapin, ricreando un angolo intimo e affascinante.

Il dehor, interamente arredato con elementi dell’azienda DA A e personalizzato con bandiere in tessuto brandizzate Masiero, ha reso omaggio alla bella stagione, ospitando gli ospiti durante il cocktail party del 9 giugno.

I nostri graditi ospiti sono stati serviti dallo staff di Spuma, bartender noti per regalare delle vere e proprie esperienze gustative!

Grazie a tutti coloro che hanno reso questo Fuorisalone un successo, siamo già pronti per iniziare a lavorare alla prossima edizione!

Milano Design Week 2022

Dovendo superare degli ostacoli, lo spettatore guadagna un privilegio. Le cose migliori sono quelle che si svelano a poco a poco (Dominique de Menil).

Vuole svelare le nuove collezioni di luci Masiero a poco a poco, con la graduale delicatezza che accompagna la scoperta di un gioiello prezioso, di un’opera d’arte d’autore, il suggestivo layout di “Rivelazioni”, allestimento Fuorisalone 2022 affidato alla creatività di Studio MILO.

Masiero presenterà due nuove collezioni, Posy disegnata da Sara Moroni e Iglù, progetto di Oriano Favaretto.

Iglù, Design by Oriano Favaretto
Posy, design by Sara Moroni

La spazialità della location di Via Statuto 16, sarà anche un morbido guscio dentro il quale si celerà un’installazione della iconica Horo di Pierre Gonalons e della Sound di Giovanni Battista Gianola.

RIVELAZIONI
Brera Design District – Via Statuto 16 – Milano

Press Preview lunedì 6 giugno dalle ore 11:00 alle ore 19:00

Aperture:

  • 6 giugno 11:00 – 19:00
  • 7, 8, 10 giugno 11:00-21:00
  • 9 giugno 11:00 – 22:00
  • 12 giugno 11:00 – 18:00 

Ci trovi anche al Salone del Mobile presso i partner:

Trabà / Hall 10 Stand E08
Carpanese Home / Hall 03 Stand G14
Fasolin / Hall 08 Stand B35

Nonché presso la Fondazione delle Stelline, Corso Magenta 61 – Milano, partner de “Il Paradiso” di Pierre Gonalons e presso lo Spazio Medelhan via Carlo Torre 28, Milano.



L’interior design per Racha Kayali

Cara Racha, come nasce l’idea creativa del progetto?

L’idea creativa alla base del progetto può avere diverse fonti. Potrebbe nascere dall’oggetto del progetto, dalla location, dall’ambiente circostante, o semplicemente dalla richiesta del cliente. Il nostro ruolo di architetti d’interni è quello di leggere tutti questi elementi in modo ideale per metterli insieme in armonia.

Come ti prepari per lo sviluppo del progetto?

Una volta che il cliente approva l’idea principale, iniziamo a raccogliere gli elementi per costruire il progetto: dalle pareti e pavimento al soffitto, che comprende l’illuminazione architettonica, e, infine, i mobili e l’illuminazione decorativa.

Quali sono gli aspetti che più influenzano le vostre scelte? Lo spazio? La personalità del cliente?

Come ho detto sopra, entrambi gli aspetti sono fondamentali nell’elaborare l’idea principale di un progetto. Tuttavia, lo spazio è il più essenziale a mio parere. L’abilità di un architetto d’interni di talento non è solo di essere creativo, ma anche di cogliere una parte della personalità del cliente, abbinarla allo spazio ed enfatizzarla.

Come avviene la ricerca dei fornitori? Quali sono le caratteristiche fondamentali che devono avere?

In primo luogo, lo stile del partner deve essere in linea con il moodboard del progetto. In secondo luogo, la capacità del fornitore di adattare o modificare il prodotto in caso di vincoli nella selezione o nell’installazione. Terzo, il budget.

Qual è il ruolo dell’illuminazione nel tuo progetto? Quando scegli la luce?

La luce ha un ruolo essenziale in tutti i miei progetti, che si tratti di luci architettoniche o decorative. Come sapete, all’inizio della vita, Dio ha creato il cielo e la terra. La terra era vuota e non aveva alcuna forma; le tenebre erano sul volto profondo. Poi, Dio disse: “Sia la luce”: e c’era la luce.

Che tipo di rapporto hai con i tuoi fornitori? Li coinvolgi attivamente nel processo? In caso affermativo, in che misura?

Una volta selezionati il materiale, i mobili e gli apparecchi di illuminazione, i fornitori diventano parte del team di lavoro. Essi sono coinvolti in tutti gli aspetti che li riguardano, dal coordinamento con i contractors fino all’installazione in loco.

Se dovessi dare consigli ai clienti finali, quali aspetti suggeriresti di valutare con attenzione per i loro acquisti?

In primo luogo, la loro scelta dovrebbe corrispondere allo stile del progetto. L’affidabilità dell’azienda è un altro punto critico, insieme alla sua disponibilità in termini di collaborazione che è essenziale per me.

 Perché hai scelto Masiero?

Onestamente, all’inizio per la collezione Raqam. Mi sono innamorata di questo maestoso lampadario, che combina ingegnosamente l’eleganza delle linee classiche e la tecnologia avanzata nell’illuminazione a led.

A seguire, grazie alla fruttuosa relazione commerciale instauratasi con il Andrea Borsato, l’Area Manager di Masiero responsabile per il Medio Oriente, ho scoperto altri prodotti di Masiero che sto proponendo ai miei clienti.

RK Interior Architecture è uno studio specializzato in progetti di interni residenziali e commerciali. Racha Kayali, la fondatrice, è un’architetto d’interni laureata presso la ESAM Design School di Parigi. Ha poi lavorato presso l’agenzia Wilmotte & Associates di Parigi per 3 anni.  Ora è membro del Gruppo Nidal e ha firmato progetti prestigiosi in tutto il Medio Oriente tra cui Riyadh, Dubai e Beirut.

Il Design secondo Oriano Favaretto

Un designer trevigiano che collabora con un’azienda Veneta: Oriano cosa ti lega a Masiero, oltre alla collaborazione professionale?

Mi lega il contatto umano con quest’azienda. La Masiero non è solo luogo di sperimentazione ma anche una famiglia. Uno spazio condiviso dove tante persone ed idee si trovano in sintonia condividendo gli stessi obbiettivi e lo stesso entusiasmo.

Hai già realizzato due prodotti per Masiero, Honicé e Ribbon. Cosa rappresenta questo terzo progetto? Lo hai vissuto come continuità o possibilità di sperimentare cose nuove?

Continuità e sperimentazione possono essere concetti complementari, nonostante all’apparenza sembrino in antitesi. Spesso, come la natura ci insegna, le cose spontanee trovano nell’evoluzione il loro ineluttabile cambiamento.

Vedo la mia collaborazione con Masiero come una trasformazione, risultato di un processo di crescita ed evoluzione, che nel design ti spinge a ricercare sempre forme nuove.

Qual è stato il punto di partenza per realizzare Iglù? Quali sono state, se ci sono state, le sfide progettuali che hai dovuto affrontare e risolvere?

Le cose più originali nascono semplici. La semplicità come sfida complessa, ma naturale, come le nostre passioni. In Iglù la sfera si sdoppia e diventa per metà solida e per metà intreccio.

Un gioiello sospeso con la sua luce intima, interiore, che la rende mistica ed introspettiva nel suo lievitare nello spazio.

Il mio desiderio di oltrepassare la gravità dei materiali si è espresso attraverso sfere disposte attorno ad un anello con una scansione regolare.

In che modo, dal tuo punto di vista, Iglù completa e rappresenta un’evoluzione della gamma Masiero?

Iglù rappresenta al contempo un’evoluzione stilistica per Masiero, ma anche il consolidamento della sua identità di azienda legata al metallo.

La volontà di realizzare un oggetto minimal e contemporaneo, ma con un sapore scultoreo che lo renda unico e solo, rappresenta una sfida ardua per l’azienda e per il designer.

Realizzare un oggetto essenziale ma che susciti un forte impatto emotivo, coniugando un aspetto leggermente retrò con le tecnologie illuminotecniche moderne.

Il metallo, elemento della tradizione aziendale sapientemente plasmato, diventa la sede naturale per la fonte luminosa a Led.

Il Design secondo Sara Moroni

Sara, cosa definisce il tuo design?

Da un punto di vista formale non c’è una regola e nemmeno uno stile predefinito: i prodotti che ho fino ad ora disegnato hanno un carattere eterogeneo ed inedito perché ognuno incarna i valori e l’identità dell’azienda per la quale sono stati pensati.

Quali aspetti ritieni essenziali nello sviluppo di un nuovo prodotto?

E’ fondamentale identificare un concept forte e tenere sempre il focus sull’utente finale. Immaginare nuove visioni, captare taciti bisogni, valutare il rapporto con lo spazio e con la persona.

In che modo, dal tuo punto di vista, una designer donna si differenzia dai colleghi uomini sul fronte della progettazione?

Il numero delle donne designer è in forte crescita e il loro contributo è sempre più rilevante e di qualità.

Si stanno muovendo con conoscenza, determinazione e destrezza, in un ambito tecnico-industriale da sempre considerato affine all’universo maschile. La differenza in ambito progettuale esiste ed è una vera ricchezza, ma sarebbe anacronistico ricondurla unicamente a fattori di genere. Credo vada piuttosto ricercata nell’unicità di ogni individuo. Ogni designer affronta il progetto con un metodo personale che lo porta ad elaborare idee, trovare soluzioni tecnico-formali molto diverse: questo è il bello!

In questo processo, per nulla lineare, fattori umani e personali influenzano fortemente l’essenza del progetto. Una designer, in quanto donna, può indubbiamente offrire un punto di vista diverso.

Qual è stato il punto di partenza per realizzare Posy?

Due i concetti base che hanno ispirato Posy.

Da un lato l’arte cinetica: movimento e percezione. In tutta la collezione l’asimmetria è ricercata ed imperante: crea movimento, leggerezza, esprime libertà compositiva ed offre all’osservatore punti di vista sempre nuovi e inattesi.

Dall’altro Design bio-ispirato: la natura come fonte di ispirazione. In natura tutto sembra spontaneo e casuale, ma risulta assolutamente armonico e perfetto. Posy è la trasposizione formale e strutturale di gemme che si sviluppano, in modo irregolare, attorno ad uno stelo ed il risultato estetico è tanto naïf quanto romantico.

Le gemme naturali sono state idealizzate e trasformate in poetiche bolle di vetro opale, aventi diversi diametri, e lo stelo affusolato è divenuto una elegante struttura organica in ottone che lega e sorregge il tutto.

Il naming “Posy”, dall’inglese “mazzolino di fiori”, rimanda esplicitamente alla forma organica del prodotto e fa forza sul concetto di composizione armonica.

In che modo, dal tuo punto di vista, completa e rappresenta un’evoluzione della gamma Masiero?

Posy è una collezione elegante e ricercata nei dettagli, ma fresca e contemporanea nel linguaggio.

Credo possa esprimere tutta l’abilità tecnica e l’esperienza di Masiero nella lavorazione dei materiali e al contempo mostrare una tensione verso nuovi canoni formali, sempre decorativi, ma più minimali e trasversali.

Quali sono gli ambienti maggiormente adatti a Posy, se dovessi suggerirlo ad architetti e interior designer?

Sono contemporaneamente lighting, product e interior designer: questo il mio punto di forza.

Nel progettare Posy ho considerato le possibili applicazioni, valutato il rapporto del prodotto con lo spazio e immaginato i possibili scenari luminosi. Il risultato di questa ricerca progettuale è una famiglia completa e versatile caratterizzata da uno stile volutamente trasversale tale da poter consentire il suo inserimento in vari contesti: alberghi, bar, ristoranti, uffici, spazi domestici sia moderni che classici.

Così come in natura, Posy offre molte soluzioni formali: singolo, doppio, a grappolo o multiplo come nelle infiorescenze. Vorrei che i progettisti utilizzassero i vari elementi che ho disegnato per realizzare il loro personale bouquet: unico e poetico.

Hai lavorato con 2 materiali diversi: ottone e vetro. È stato sfidante farli coesistere all’interno del design che hai realizzato?

Vetro soffiato e ottone sono due materiali nobili quasi in antitesi tra loro: leggero/fragile/semi-trasparente il primo e corposo/duttile/semi-riflettente il secondo. Volendo conferire il giusto valore ad entrambe le finiture, ho pensato di farli interagire fra loro tramite la luce. La sfera opalina, oltre ad illuminare l’ambiente, valorizza infatti tutta la struttura in ottone del prodotto facendone risaltare: il colore, la matericità e la raffinata micro-decorazione.

Catalogo Dimore 2022

Ogni prodotto ha la sua storia, le sue origini. Un processo lungo, fatto di tempi di riflessione, di confronti, di sperimentazioni. Tutto nasce da un guizzo creativo che viene plasmato fino a prendere forma.

Quest’anno abbiamo deciso di presentare al mercato due nuove collezioni, frutto della collaborazione con due designer dalla conclamata esperienza nel mondo della luce.

Sara Moroni, new entry nel parterre dei designer che collaborano con Masiero

e Oriano Favaretto, partnership già collaudata grazie a Honicè e Ribbon, firmati dal designer per Masiero.

Le due collezioni sono presentate all’interno del catalogo Dimore, completamente rinnovato nel look, ideato da Artemio Croatto e il suo staff dello studio Designwork.

La direzione creativa degli scatti è stata affidata a NOOII Agency, la stampa alla professionalità di Grafiche Antiga.

Il nostro nuovo catalogo è il risultato della collaborazione di professionisti interni ed esterni all’azienda, che hanno lavorato con passione e dedizione ed è per questo che siamo entusiasti di presentarlo!

Good Design Award 2021

Masiero si aggiudica il Good Design Award 2021, il prestigioso riconoscimento internazionale assegnato ai migliori prodotti di design, con HORO, la collezione progettata da Pierre Gonalons.

Forma minimale, semplice, quasi grafica che assume un mood vintage grazie alle finiture di metallo e vetro, queste le caratteristiche di HORO che hanno convinto la giuria internazionale composta da architetti e designer dell’ambito premio che viene organizzato annualmente dal Museum of Architecture and Design Athenaeum di Chicago. Fondato a Chicago nel 1950 da Eero Saarinen e Charles e Ray Eames, GOOD DESIGN rimane uno dei premi di design tra i più antichi e riconosciuti per l’eccellenza del design in tutto il mondo.

Natale in Italia

Il freddo e le giornate corte si avvicinano, le luci iniziano a brillare nelle strade decorate con dettagli rossi e verdi ed enormi alberi di Natale appaiono nelle piazze principali. La gente corre per le strade con pacchi in mano, i suonatori di cornamusa suonano melodie natalizie e Babbo Natale regala caramelle ai bambini. L’atmosfera natalizia si respira davvero nel Bel Paese poiché questa festa è una delle più importanti del paese. Anche se ci sono tratti comuni, la magia di Natale è diversa in tutto il mondo. Questa è l’occasione perfetta per incontrare la tua famiglia, sedersi intorno al tavolo e gustare un menu delizioso e squisito. Il fascino di questa giornata dura fino a tardi, giocando a giochi da tavolo, degustando prelibatezze culinarie e ottimi vini, e scartando tutti i regali!
Gli italiani amano davvero arredare la propria casa e la scelta della giusta illuminazione è fondamentale per creare l’atmosfera perfetta! Qui vorremmo mostrarti i vari suggerimenti di Masiero!

Se vivi in un casolare di campagna, Libe con la sua struttura in legno e il prezioso diffusore in losanghe di cristallo opaco potrebbe essere perfetto per illuminare la tua poltrona preferita, dalla quale ammirare la neve cadere e deliziarsi del calore del camino.

Sei innamorato dell’oro e del bianco? Una composizione di sospensioni di Dame in finitura foglia oro sarà la scelta eccellente per il tuo soggiorno moderno, accanto al tuo albero di Natale!

Semplicità e buon gusto sono le tue parole chiave. Se la neve sta cadendo fuori e non ti piace il freddo, siediti sul divano con il tuo libro preferito, accendi il Sound e goditi la tua casa.

Pazzo per il Natale? Regalati un pezzo della Limited Gold Edition di Masiero! Un’edizione speciale di una selezione di prodotti iconici celebra il 40º anniversario dell’azienda, vestendoli di una scintillante finitura dorata!
Potresti scegliere le sospensioni della collezione Nappe, collocandole vicino al tuo letto come piccoli gioielli.


Se vuoi far brillare il tuo salotto, Olà è la soluzione migliore per portare un tocco scintillante!


Sei un amante del lampadario classico: Maria Teresa è il mix perfetto tra classico e moderno grazie al design tradizionale e alla tecnologia di illuminazione a led.

Non puoi rinunciare ad un tocco vintage? Horo con la sua linea semplice e lo stile anni ’50 in questa edizione limitata con il vetro in tonalità oro sarà il tuo capolavoro.

Honicè sarà l’ospite speciale sulla tavola imbandita a festa! Linea semplice, block color e design iconico sono gli ingredienti vincenti della tua ricetta segreta!

Illuminazione interni di design: le nostre proposte

Il lighting design è uno degli elementi più importanti nella decorazione di uno spazio abitativo.

Scegliere l’illuminazione corretta comporta un equilibrio tra stile, funzionalità e gusto personale.

Il Covid ha comportato un cambio radicale nelle abitudini di vita di ognuno di noi e delle priorità nelle nostre vite.

Riappropriarsi degli spazi, rendere la propria casa accogliente e funzionale, rispecchiando la personalità di chi la vive è diventata una priorità diffusa.

Less is more è diventato un motto applicabile all’interior decor e anche alla scelta di lampade.

Horo, disegnato da Pierre Gonalons, con le sue linee semplici ed essenziali, va certamente in questa direzione. La semplicità e la capacità di decorare con gusto e trasversalmente vari ambienti rendono Horo una scelta vincente!

Altro focus di stagione è la passione per le atmosfere retro’. Il periodo di isolamento che abbiamo trascorso ci ha resi nostalgici, desiderosi di ricreare il mondo della nostra infanzia, o di quell’epoca d’oro che sogniamo di poter rivivere. Così anche nell’illuminazione di interni si assiste al ritorno agli anni ‘60 e ‘70, al boom economico e creativo che ha coinvolto il mondo intero.

Vegas disegnato da Marc Sadler è una collezione dai volumi scultorei, preziosa ed impattante, che illumina la casa con un segno di stile molto marcato.

La passione per il gusto retrò a tratti vintage ti farà sicuramente apprezzare Olympya ideato da Masiero Lab, che con le sue forme classiche ed i colori rassicuranti è una scelta di lighting design che ti accompagnerà nel tempo.

La sostenibilità e l’attenzione all’ambiente sono dei valori tornati fortemente in voga. Così i materiali naturali godono di un rinnovato interesse.

Flashwood, design di Giovanni Battista Gianola è la proposta Masiero realizzata in legno con illuminazione a led integrato, nel pieno rispetto dell’ambiente.

Abbiamo parlato di tendenze attuali nell’illuminazione d’interni di design, ma quel che conta in assoluto, quando si sceglie il lighting della propria casa è l’armonia. La casa è il luogo dove si condividono esperienze familiari o ci si rifugia nell’intimità di un tempo per sé stessi. Tutto ciò richiede armonia nei colori, nelle forme, negli ambienti che si abitano. 

La creazione di uno spazio caldo e accogliente passa attraverso la scelta dell’illuminazione da interno, che concorre a creare l’atmosfera giusta per ognuno di questi momenti. L’equilibrio tra estetica e funzionalità, design e praticità è il focus delle proposte di illuminazione di Masiero.

Scegliere lampade di design per i propri spazi vuol dire lasciare un’impronta della propria personalità, rendendo lo spazio unico, modellandone la luce e le ombre, le forme e le linee, i colori e i volumi. Insomma, renderlo veramente proprio

Custom

Lavoriamo al tuo fianco per realizzare i tuoi desideri

Masiero offre un servizio di customizzazione tailor made per tramutare le idee in realtà.

Richiedi informazioni

Richiedi informazioni sulla personalizzazione